ALLE COLONNE D’ERCOLE

Diario di un viaggio con l’orizzonte come confine
 
AUTORE Tullio Berlenghi
DISEGNI Maria Cristina Marsili
COLLANA i Fiori
ANNO 2017
PAGINE 194 
FORMATO 17 X 20 CM
PREZZO 16,00 €
ISBN 978-88-98981-15-1

 

LEGGI IN ANTEPRIMA

16,00 Acquista

RASSEGNA STAMPA
www.lazionauta.it
www.giornalistinell’erba.it
www.casilinanews.it
www.metropoliroma.net
www.controluce.it
www.casilinanews.it/evento
www.ibarbari.it/intervistaevento
BioEcoGeo
www.viaggiaredasoli.net
www.tuttobiciweb.it
www.viaggielibri.it
www.ambienteambienti.com
Intervista di Claudia Fantini su Ernica-Tv
www.zestletteraturasostenibile.com
www.viagginaturali.it

EVENTI

Montalcino – 7 maggio 2017 con Massimo Pasquini
Labico – 22 luglio 2017 con Anna Donati e Maurizio Spezzano
Pallagorio – 14 agosto 2017 con Leopoldo Medea e Maurizio Spezzano
Garrufo di Sant’Omero – 18 agosto 2017 con Attilio e Rash

SINOSSI

Alle Colonne d’Ercole, non è solo un libro, ma la realizzazione di un sogno. Tullio Berlenghi è un appassionato di bici, di ambiente, di bellezza, di fotografia, di viaggi e forse della vita stessa, la cui quotidianità regala solo frammenti – attimi da dedicare all’evasione – che difficilmente si riescono a mettere insieme per potersi lanciare in un inedito progetto. Il caso vuole che, di colpo, l’autore si ritrovi per un mese libero da qualsiasi impegno: un’intera pagina bianca da colorare, da progettare, da riempire con un viaggio dell’anima e del corpo. Tullio, su questo foglio, disegna un puntino sulla destra e ci scrive “Genova”. Poi, un po’ più in basso rispetto al primo, a sinistra del foglio scrive “Colonne d’Ercole” e li unisce con una sgangherata linea che attraversa sette Stati, due catene montuose, valli, boschi, laghi, paludi, paesi e zone industriali… fino allo stretto di Gibilterra, dove una volta finiva il mondo conosciuto.
2300 chilometri da percorrere, da solo, con la sua vecchia e inseparabile mountain bike del 1994. Berlenghi inizia a raccontare la sua esperienza in un blog, un diario che presto diventa un libro – illustrato dall’artistica matita di Maria Cristina Marsili – in cui mescola la descrizione di emozioni, di fatica, di incontri, di paesaggi, di pensieri liberi e in fuga solitaria per ben 23 tappe. 

BIOGRAFIE

Tullio Berlenghi è nato a La Spezia, il 27 agosto 1963, e risiede a Labico, in provincia di Roma. Esperto di politiche ambientali, di urbanistica e mobilità sostenibile, è impegnato da sempre in iniziative, convegni  e seminari, tra i quali quelli contro i cambiamenti climatici e il consumo del suolo, a tutela del paesaggio e delle piste ciclabili. Già autore di svariate pubblicazioni, ha collaborato con la rivista Ciclismo, con il mensile Ecomondoe quello di Modus Vivendi, ma anche con il quotidiano Terra e con il periodico NotizieVerdi. Nel 2005 pubblica il saggio, con illustrazioni di Sergio Staino, Come difendersi dagli ambientalisti. Continua il suo impegno sociale con numerose testate a diffusione locale e dal 2007 è membro della Giuria del premio internazionale di giornalismo per ragazzi, “Giornalisti nell’erba”, e nel 2010, firma come coautore il  testo Ci scappa l’acqua. Negli anni, Berlenghi intensifica la sua attività collaborativa con realtà associative e dal 2013 è membro del direttivo FIMA – Federazione italiana Media Ambientali. La sua passione per la bici, oggi, con Alle colonne d’Ercole  si trasforma in un libro, dove racconta la sua fantastica fuga lunga 2300 chilometri.

La passione per il disegno di Maria Cristina Marsili nasce con lei, il 12 febbraio 1971 a Roma. Dal 2003 al 2006, segue il corso presso l’Accademia delle Arti Figurative – Scuola Internazionale di Comics, conseguendo, a pieni voti, l’attestato di specializzazione professionale come illustratrice. Negli anni, partecipa a diversi concorsi per illustratori e i suoi disegni vengono selezionati per partecipare alla mostra Accademia Pictor di Torino edizione Gatto con gli stivali del 2004 e La Sirenetta del 2008. Nel 2007, vince il primo premio al concorso internazionale di illustrazione per l’infanzia Europa in cammino (Scarpetta d’oro) e nel 2008 illustra il libro Un volo per la terra. Amica decennale di Tullio Berlenghi, lo accompagna idealmente nel suo viaggio in bici, prima disegnando la locandina del suo blog, ora illustrando le tappe del suo libro.